Dal ristorante alla casa (e viceversa)

0
41

“Se c’è una bella tavola dove tutto è in ordine, tutto è pulito, e dove ogni strumento è collocato con attenzione al suo posto, si sente meglio di partecipare a un certo rituale”. Così l’architetto e designer Ettore Sottsass descriveva il valore di un’apparecchiatura perfettala. Dalla forma dei piatti a quella della posate e dei bicchieri, dai materiali utilizzati ai decori e finiture, ogni elemento sostiene lo sforzo di comunicare il lato esperienziale della tavola,  al fine di creare quell’atmosfera di unicità e senso di ospitalità che pur appartenendo per definizione al mondo della ristorazione professionale, è possibile e si desidera replicare anche tra le mura domestiche.

La tavola si arricchisce così di un nuovo significato, in cui la ricerca della presentazione, dello stile, della qualità, guarda alle tendenze di specifiche situazioni di convivialità codificata: un pranzo o una cena al ristorante, il breakfast in hotel, un servizio catering, il momento dell’aperitivo servito con i giusti strumenti del bere miscelato o una degustazione di vini. Complici le numerose trasmissione televisive, blog, riviste specializzate e chef “stellari” testimonial in molte pubblicità, oggi più che mai gli stili professionali, dal tableware al cookware, entrano nelle case, esaudendo il desiderio di ricreare anche in ambito domestico una tavola vista al ristorante, una ricetta gourmet o un drink trendy.

Timeless, Pasabahce

Quello degli oggetti per l’arte della mixology e per il servizio dei vini è senza dubbio un segmento che ha suscitato grande interesse e che saputo conquistare il grande pubblico. Oggi molte aziende o, propongono collezioni anche per il retailer, nate spesso in collaborazione con bartender, sommelier, d per degustare vini o miscelare drink .

 

Anche gli accessori per cucinare si ispirano sempre più ai metodi di cottura professionali.

Serie15500, Paderno

Numerosi i concept sviluppati: dalle piastre per cuocere la pizza a pentole per cuocere al vapore, dagli strumenti professionali per preparare contemporaneamente diverse pietanze a linee di cottura utilizzabili su “fiamma viva” per un effetto bbq. Progettate ranche per le cucine stellate, queste collezioni permettono di ottenere risultati da veri chef.

 

 

 

 

 

Merita un discorso a parte l’universo tavola, protagonista di un’evoluzione che ha messo in discussione il classico concetto di mise en place. Accanto all’intramontabile porcellana bianca dalla canoniche forme, si è diffuso già da tempo il concetto di tavola destrutturata: non solo porcellana, ma contaminazione di materiali, forme e colori che convivono in armonia regalando inediti e piacevoli contrasti per una decisa matericità e personalizzazione. Vetro, legno, gres, ardesia sono gli attori di questa rivoluzione nata per soddisfare le esigenze di arredo tavola e di stile del settore Ho.re.ca, in linea con un tipo di presentazione che deve rispecchiare anche il contenuto, ovvero la pietanza, sempre più “fusion” e sempre più influenzata da sapori esotici. Una new wave che dal mondo dell’hotellerie e della ristorazione ha saputo dettare stili e tendenze nella tavola di tutti i giorni, regalando spunti preziosi e idee brillanti. Al retailer dunque il compito di creare nuovi desideri d’acquisto, interpretando differenti occasioni di convivialità e offrendo al cliente interessanti consigli per rivivere anche a casa l’atmosfera di un ristorante stellato, l’arte della mixology o replicare una ricetta utilizzando strumenti di cottura professionali.

Carlotta Ramada, Fade

Le tendenze del comparto tavola

Barbara Cincotto, Direttore marketing e vendite della divisione Ho.Re.Ca. del Gruppo Arcturus, ci illustra le nuove linee guida per una tavola “gourmet”.

“Le tendenze che influenzano il comparto tavola sono molteplici e trasversali poiché in continua evoluzione rispetto ai trend che animano la cucina, il design e il lifestyle internazionali. C’è un ritorno al vintage e al decorato, ai colori e al floreale, ma anche a materiali che richiamano la natura in tutte le sue varianti: i colori della terra, le pietre, la sabbia. C’è inoltre attenzione verso la destrutturazione dell’apparecchiatura, contaminazioni fusion e mix and match creativi. Lo spirito evolutivo dei nostri brand, il forte legame con i bisogni Ho.Re.Ca., unitamente a know-how e innovazione tecnologica, concorrono senz’altro all’individuazione di nuove idee pronte ad influenzare le tendenze della tavola contemporanea, offrendo stimoli anche per il canale retail, sempre più ricettivo”.

Ardesia, Rosenthal

Le nuove proposte contemporanee per la ristorazione sono infatti accomunate dalla ricerca di nuove finiture e suggestioni tattili. “Con Rosenthal la collezione Junto mixa alla porcellana made in Germany anche gres e legno, mentre per gli chef più creativi proponiamo il nuovo e rivoluzionario decoro Ardesia. Così come il nome suggerisce, una parte del piatto in porcellana diventa una vera e propria lavagna, tutta da interpretare. La mise en place diviene una piattaforma di comunicazione: ogni chef potrà dedicare al commensale messaggi, note o piccole dediche, creando un momento di grande attenzione nella presentazione del piatto. Il decoro può essere nero, come le classiche lavagne, o colorato e può essere applicato su ogni collezione in porcellana, decorando superfici più o meno estese”.
Sambonet trasforma invece la percezione dell’acciaio inox colorandolo con il PVD e applicando nuove e sofisticate finiture speciali, un mix di tecnica, know-how e innovazione, atti a soddisfare completamente le richieste di ogni cliente.

A casa come al ristornate, ma con praticità!

Edoardo Mantovani, Country Manager di Villeroy & Boch – Arti della tavola Srl, ci spiega le novità proposte al retailer e il rapporto con il mondo Ho.Re.Ca. “Abbiamo molti piatti della nostra collezione in comune tra divisione hôtellerie e tableware nel mondo retail. Alcune delle nuove tendenze arrivano proprio dalla ristorazione che intravede il successo e le potenzialità di un piatto molto prima del consumatore finale. Spesso infatti ci si abitua a forme e colori dei piatti che si hanno al ristorante per poi ricercarli anche in negozio per un uso domestico. Villeroy & Boch cerca di proporre soluzioni che vadano bene a entrambi questi mondi, ristorante e casa. Il focus però spesso cambia. Ad esempio molti chef ricercano piatti di dimensioni molto grandi per far emergere la propria creatività o scelgono di utilizzare diverse misure o diversi articoli, dalle bowls alle alzatine, per presentare le diverse portate. La domanda della ristorazione è sicuramente maggiore rispetto al business tavola domestico, una scelta che però poco si adatta all’ambiente di casa, dove è la funzionalità a farla da padrone. Un piatto troppo grande per la credenza o per la lavastoviglie difficilmente conquisterà il cliente!”.

Acqua, Tognana

English Version

From the restaurant to the home (and vice versa)

“If the table is beautiful, with everything clean and ordered, with each tool set with attention in its place, you better feel that you are participating in a ritual”. This is how architect and designer, Ettore Sottsass describes the value of a perfectly set table. From the shape of the dishes to that of the cutlery and glasses, from the materials used for decoration and finishes, each element supports the effort in communicating the experiential aspect of table settings. The desired end result is to create that unique atmosphere and sense of hospitality which, even though it is defined as a part of professional restaurants, it is possible and desirable to replicate even at home. Table settings are thereby enriched with new significance in which the research of presentation, style, quality, looks to the trends in specific codified social sharing situations: a lunch or a dinner in a restaurant, breakfast in a hotel, catering services, the moment that the aperitif is served with the right utensils of cocktail drinking, or a wine-tasting.

Stem Zero ,Nude

Accomplices are the many television programmes, blogs, specialized magazines, and “starred” chefs who give their testimonials in many ads – today, more than ever, professional styles, from tableware to cookware, are entering the home – which satisfy the desire to recreate, in a home environment as well, an eye-catching table, a gourmet recipe, or a trendy drink. Those items for the art of mixology for the serving of wine is, without a doubt, a segment which has aroused great interest, and which has been able to conquer the greater public. Today, many companies also propose collections for retailers, often born of collaborations with bartenders and sommeliers for wine tasting or drink mixing. Even kitchen accessories are ever more inspired by professional cooking methods.

Mini cestino per fritture, Ilsa

Many concepts have been developed – from hot plates for cooking pizzas to steam cooking pots, from professional utensils for simultaneously preparing diverse dishes at the same time which use “live flame” cooking lines for a BBQ effect. Designed also for starred kitchens, these collections permit the obtaining of true chef results. A separate discussion must be had for the table setting universe, the main player in an evolution which has begun to discuss the classic concept of place settings. Alongside the ever-popular white porcelain of canonical form, for some time now the concept of a “de-structured” table has spread. This does not just regard porcelain, but also the addition of materials, forms, and colors which working together in harmony can provide unexpected and pleasant contrasts for a marked materiality and customization. Glass, wood, tile, slate, are the actors of this revolution born to satisfy the needs of table settings and Ho.re.ca sector styles. This is done in line with a type of presentation which must also reflect the contents, or in other words the food, with ever more “fusion” and ever more influenced by exotic flavors. A new wave which, from the world of hotels and restaurants, has been able to dictate everyday table styles and trends, gifting them with precious hints and brilliant ideas. To retailers, therefore, falls the duty of creating new purchasing desires, interpreting different social engagement occasions, and offering interested clients advice to revive their home with the atmosphere of a starred restaurant, the art of mixology, or the replication of a recipe using professional cooking instruments.      

 

The trends in the table sector

Barbara Cincotto, Marketing and Sales Director of the Ho.Re.Ca. division of Gruppo Arcturus, tells us about the new guidelines for a “gourmet” table
“The trends that influence the table sector are many and transverse as it is in continual evolution with respect to the trends that animate the kitchen, design, and international lifestyles. There is a return to the vintage and the decorated, to colors, to floral patterns, but also to materials which reflect nature in all its variations: the colors of the earth, stone, sand. There is also attention paid to the de-structuring of equipment, fusion influence, and to mix and match creativity. The evolutionary spirit of our brand, its strong ties with Ho.Re.Ca. needs, together with our knowhow and innovative technology, without a doubt work to identify new ideas that are ready to influence the trends in contemporary table settings, offering stimuli also for the retail channel, which is ever more receptive to them”. The new contemporary proposals for restaurants, in fact, hold in common the search for new finishes and tactile suggestions. “With Rosenthal’s Junto the made in Germany collection mixes concrete tile and wood, while for the more creative chefs we propose the new and revolutionary Ardesia décor. As its name suggests, part of the porcelain plate becomes a real piece of slate, a blackboard to interpret. The mise en place becomes a platform for communication, as in each chef can dedicate messages, notes, or small dedications to the diners, creating a moment of great attention upon the presentation of the dish. The décor can be black, like the classic blackboard, or colored. It can be applied to any collection in porcelain, decorating surfaces both small and great”.Sambonet instead, transforms the perception of stainless steel, coloring it with Pvd and applying new and sophisticated special finishes. A mix of technique, knowhow, and innovation able to completely satisfy the requests of every client.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here