…e non chiamatele semplicemente candele

aziende – Yankee Candle, ovvero la passione per la fragranze: un concept di prodotto fatto di qualità, innovazione, trend e comunicazione

Negli Usa attraggono i loro fan nei display glamour di Macy's come negli scaffali di Target (con un format dedicato), tra i prodotti trendy di Hallmark come fra le mille proposte per casa di Bed Bath& Beyond, nei bookstore d'avanguardia come nei negozi monomarca di eleganti mall... I prodotti Yankee Candle sono un must per i consumatori Usa, godono di una brand awareness altissima. "La scelta della multicanalità nasce dalla volontà di essere presenti là dove il nostro cliente vive la sua shopping experience sempre con un immagine chiara e riconoscibile garanzia di qualità e innovazione" spiega Clive Harper, vice presidente e general manager Yankee Candle Europe, durante il press tour organizzato nella sede dell'azienda a South Deerfield Massachussetts. Una azienda caratterizzata da una filosofia precisa che pone al centro l'attenzione al consumatore.

È "Lisa", come viene chiamata nel marketing planner, una donna che ama la propria casa, ricerca atmosfere di gusto, di stile è sensibile ai trend più attuali, ama essere sempre aggiornata, e per rispondere alle sue esigenze il brand lavora su innovazione continua, capacità di tradurre e interpretare tendenze e comportamenti emergenti sempre con un'attenzione estrema
verso la qualità.

Nata nel 1969 dall'inventiva di un sedicenne che voleva fare un regalo originale a sua mamma, Yankee Candle oggi è una leader company a livello mondiale nell'ambito delle candele e home fragrances (516 milioni di euro il fatturato 2009 e 538 quello 2010). Negli USA vanta circa 550 negozi monomarca oltre a due flagship store (fra cui l'affascinante villaggio di Natale) ed è distribuita in circa 28.500 punti vendita, comprese le principali catene.
"La svolta vera è avvenuta quando ci siamo trasformati da fabbrica di candele a produttori di fragranze. Attualmente il nostro catalogo Usa ne comprende circa 400 declinate, oltre che nell'ormai caratteristiche candele in contenitore di vetro (realizzate con un processo esclusivo che parte dalla materia prima liquida e che dura circa otto ore), in lumini e tea candle (prodotti pressati) ma anche diffusori, profumatori per auto, e qualche proposta beauty...Ogni prodotto è frutto di approfondite ricerche e sperimentazioni vengono utilizzati 100 tipologie di cere selezionatissime per ottenere performance come durata e qualità elevatissime, le fragranze nascono da approfondite ricerche su trend, moda, del colore, arredo, food… sono create da esperti profumieri e sperimentate in laboratorio per ottenere realmente profumazioni uniche: il processo per sviluppare una nuova fragranza dura circa 12 mesi", ha spiegato Karen Woods, Usa PR Manager. Un brand, dunque, che negli Usa è un vero e proprio cult (quindici giorni prima di Natale alcuni Macy's dichiaravano già il sold out delle fragranze Natale 2011).

Clive Harper si dichiara soddisfatto dei risultati ottenuti, 78 milioni di euro il fatturato 2010 e si preannuncia un incremento nel 2011. "In Gran Bretagna (dove ha sede la Yankee Candle Europe) è stato già aperto il primo store monomarca. Anche in Italia stiamo riscontrando ottimi risultati (abbiamo recentemente aperto anche un'importante corner nel punto vendita Coin di Como), io credo che le proposte Yankee Candle possano costituire una occasione di vendita realmente interessante; infatti le fragranze, in questo particolare contingenza, sono quel qualcosa che consente di creare nuove, accoglienti e personali atmosfere nella propria casa con una spesa contenuta, creando quindi nuove occasioni di vendita e stimolando la fidelizzazione.

Yankee Candle, poi, proprio per stimolare il sell out è in grado di offrire ai propri clienti molteplici supporti merchandising e visual, dagli espositori ai cataloghi, dai poster ai cartelli vetrina ai display che per comunicare le caratteristiche della profumazioni, le novità, occasioni di vendita...", continua Clive Harper. Qualità, innovazione, comunicazione in store sono i plus che possono assicurare ai retailer italiani ottime opportunità di vendita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here