Il talento tessile è una questione di Gruppo_Intervista a Alberto Paccanelli, Martinelli Ginetto

0
103

Martinelli Ginetto è un Gruppo manifatturiero che copre l’intera filiera del tessile d’alta gamma per la casa con posizione di leadership a livello mondiale. I siti produttivi e le diverse divisioni compongono una realtà articolata e fortemente integrata, controllata e affidabile. Lungimiranza e investimenti strategici sono il motivo del successo del Gruppo fondato da Ginetto Martinelli in Valgandino (Bergamo), in continua crescita ed espansione dal 1947.

Gruppo«Il dato di fatto è che da sempre il talento tessile di questa realtà si fonda sulla forza imprenditoriale delle idee, delle competenze, delle tecnologie più avanzate, della capacità di mobilitare energie professionali e creative per innovare il prodotto a tutti i livelli valorizzando le migliori materie prime. E oggi il talento tessile di questo Gruppo è alla base della forza dei suoi clienti» dice Alberto Paccanelli, socio e amministratore delegato, alla guida del Gruppo insieme ai fratelli Sergio e Luciano Martinelli.

La solidità e le performance del Gruppo derivano sia dal controllo delle diverse fasi della filiera, dalla filatura alla nobilitazione passando per tessitura e stampa digitale. sia dalla sempre alta attenzione ai progressi della tecnologia, tessile e non solo. «Oggi è la sfida della digitalizzazione a catalizzare le energie aziendali, con un impegno di visione intelligente ed efficiente dei processi di lavoro, nella dotazione di apparecchiature, nella formazione delle risorse umane» continua Paccanelli.

 

La convinta transizione al digitale del Gruppo si vede sia in ambito logistico, con magazzini automatizzati di ultima generazione in grado di efficientare le procedure, sia in ambito commerciale, con una piattaforma e-commerce in piena attività che offre metraggi in diversi formati e un comodo servizio su misura, per ordinare tagli diversi senza limiti di quantità. Ma l’approccio digitale è prezioso anche nella fase di creazione stilistica del prodotto.

Gruppo

«In questo anno appena trascorso, abbiamo lavorato per prepararci al futuro. Consci di un cambio di percezione del tempo e delle risorse disponibili, determinati a mantenere la nostra abilità creativa e la forza del nostro rapporto di partnership con i clienti, abbiamo accolto molto seriamente la transizione digitale. Ci siamo perciò dotati delle migliori tecnologie e abbiamo scelto di dare ancora più spazio alla creatività. Così facendo abbiamo rivoluzionato il modo di sviluppare le collezioni accorciando i lead times per arrivare ai prototipi. Per potenziare ulteriormente lo studio di nuovi tessuti abbiamo reso il processo creativo più efficiente, aprendo un canale di comunicazione coi clienti per farli interagire velocemente e continuamente con il team stile» continua Paccanelli.

Un’infrastruttura tecnologica di ultima generazione permette di acquisire, elaborare e gestire i dati con alte prestazioni in velocità e affidabilità. Il filato viene rielaborato in chiave digitale riproducendone tutte le sue caratteristiche, anche i dettagli più impercettibili tipici di una specifica fibra. Sono stati digitalizzati oltre 5.000 filati differenti e oltre 70.000 disegni dall’archivio tessuti. Infine una simulazione in tempo reale permette di verificare come si presenterà il prodotto finito.

L’adeguata formazione, unita al background di competenza tessile dei creativi, ha completato la transizione al digitale portando nel team stile entusiasmo e desiderio di varcare nuove frontiere di estro e inventiva. «La transizione digitale consentirà alla clientela di sperimentare in modo efficiente una molteplicità di disegni, combinazioni di colori e costruzioni tessili che si tradurranno in un aumento della potenzialità stilistica nelle collezioni dei clienti. La nuova era digitale della creatività è iniziata e in Martinelli Ginetto siamo pronti» conclude l’Ad sorridendo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here