Report dal 3° Summit casa – tavola – cucina

Nel mondo della distribuzione, dopo i cambiamenti anche etici e di consumo che la crisi ha suggerito, oltre alla diffusione di nuove modalità d’acquisto, ci si interroga su quali direzioni intraprendere per riconquistare la fiducia dei consumatori.
Orientarsi in un mercato in continua evoluzione, utilizzando il web, l’esperienzialità e il mix merceologico come proposte di nuovi possibili percorsi per il retail, è la sfida lanciata dal 3° Summit nazionale settore casa-tavola-cucina, che si è svolto il 14 settembre, durante l’edizione autunnale di HOMI. All’evento, organizzato da Casastile in collaborazione con HOMI e Alessi e con la partnership di ART – Confcommercio, ha fatto seguito la premiazione del Global Innovator Award-Retail Italia 2014.

Illustrata durante l’incontro anche la fotografia del comparto che è emersa dalla ricerca commissionata da ART a Federmobili sulle caratteristiche e le esigenze dei punti vendita di articoli per la tavola, la cucina e la casa.
Ad aprire lavori Ivo Nardella, amministratore delegato New Business Media – Gruppo Tecniche Nuove, che insieme a Cristian Preiata, exhibition manager HOMI, e Matteo Alessi, direttore sviluppo internazionale Alessi, ha reso possibile questo nuovo appuntamento. Nei loro interventi hanno sottolineato l’importanza dell’incontro per favorire lo scambio di informazioni tra player della stessa filiera: editoria specializzata, ente fiera, aziende e retailer; un momento utile “a capire insieme i ruoli che ciascuno deve giocare al fine di migliorare le performance di mercato” ha detto Matteo Alessi. A confronto i temi ritenuti fondamentali per affrontare il futuro del settore: l’utilizzo delle nuove tecnologie per attualizzare lo store; le modalità per rendere esperienziale lo spazio espositivo coinvolgendo il cliente; la capacità di allargare la proposta di prodotti con nuove categorie offrendo al consumatore un mondo di stile.

L’evento coordinato dal direttore di Casastile Laura Tarroni, ha seguito quest’anno una nuova formula fatta di interventi brevi, pensati come pillole di riflessione.

Nella tavola rotonda conclusiva si è poi cercato di individuare quale linguaggio possono utilizzare industria e distribuzione per raggiungere insieme il nuovo consumatore. Molti gli stimoli arrivati dai partecipanti: secondo Pierluigi Sgarabotto – Villeroy &Boch, bisogna allinearsi alle strategie del negozio in un rapporto one-to-one; per Enrico Corti – Alessi, è il confronto diretto a suggerire all’azienda come muoversi; mentre per Cristian Preiata – HOMI, la fiera può essere di aiuto facendo conoscere al meglio le potenzialità produttive italiane. Ma conta anche il grande entusiasmo e la speranza dei giovani del settore (sul palco Laura Scollo, Galleria Fiaba e Luigi Placidi, Regalcasa) che guardano al futuro cercando risposta nel rinnovamento a livello di merceologia e di identità, e approcciando i nuovi media senza paura.

Related Posts

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

4,362FansLike
2,241FollowersFollow
100SubscribersSubscribe

Recent Stories