A Copenaghen va in scena l’arte italiana del caffè

0
39
caffè
America, Gaggia, Milano, 1958, MUMAC, Museo della Macchina. Courtesy MUMAC
caffè
Oggetto banale: caffettiera di Alessandro Mendini. Progetto con Paola Navone, Daniela Puppa, Franco Raggi, 1980-1994 – Archivio Atelier Mendini

‘Passione italiana: l’arte dell’espresso’ è il titolo della mostra che celebra il caffè e gli strumenti per prepararlo, realizzata in collaborazione con l’Istituto Italiano di cultura di Copenaghen, che per la prima volta mette al centro di un’esposizione la passione tutta italiana dell’espresso spiegando come si sono evoluti nel tempo il design e la tecnologia degli oggetti per il caffè. 

L’evento, in corso fino al 21 marzo nato in occasione dell’Italian Design Day, indetto dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Visibili in tutto 45 fra macchine per uso domestico e da bar, set e tazzine da caffè, sono pezzi storici, alcuni introvabili ed esemplari unici, selezionati dalla curatrice Elisabetta Pisu perché rappresentano i cambiamenti nel tempo della produzione e del consumo, e permettono di comprendere quanto sia accresciuta nell’immaginario collettivo la rilevanza sociale di un gesto che oggi il mondo lega inscindibilmente al lifestyle e ai riti del nostro quotidiano.

caffè
Tazzina da caffè Lume di Federica Biasi, 2020, Nespresso. Courtesy Federica Biasi studio

Insieme permettono di tracciare un percorso storico nell’arco degli ultimi due secoli fra caffettiere nate dalla matita di grandi designer e che sono diventate vere icone di un’epoca e pezzi più recenti frutto di b che ne hanno radicalmente trasformato i processi produttivi e innalzato gli standard qualitativi. Un viaggio nel tempo, quello proposto a Copenaghen, che racconta di una ricerca incessante per migliorare la tecnologia, l’ergonomia degli oggetti e il consumo di una delle bevande più popolari e maggiormente consumate nel mondo.

«Innovazione, creatività e design –spiega la curatrice Elisabetta Pisu– hanno accompagnato l’evoluzione di macchine da bar, caffettiere e servizi da tavola nel corso di questi due secoli, identificando il caffè espresso come rito sociale e culturale, simbolo di italianità e del made in Italy. Attraverso questi oggetti compiamo un viaggio nel tempo che ci consente di capire come sono cambiati le abitudini, i gesti e, insieme a questi, la rilevanza, il portato emotivo legati al caffè».

caffè
La cupola di Aldo Rossi, 1988, Alessi. Courtesy Archivio fotografico Alessi.

Due secoli di design e innovazione

Portano le firme di alcuni fra i maggiori artisti e maestri del design nostrano e internazionale e fra i più rilevanti brand del made in Italy, i 45 oggetti in mostra capolavori dell’iconografia progettuale che hanno segnato un’epoca, esito di una rilettura approfondita di forme e funzioni.

caffè
Tea & coffee set Towers di M. Fuksas e D. Mandrelli-2003, Alessi. Courtesy Archivio fotografico Alessi

Per esempio Oggetto Banale: Caffettiera di Alessandro Mendini per la Biennale di Venezia del 1980 o l’interpretazione creativa e fuori dai canoni di una moka da parte di Gaetano Pesce con la Vesuvio. Fino ad arrivare alle realizzazioni che segnano l’incontro fra architettura e design con Aldo Rossi, che trasformava il set per il caffè in una piazza e con b faceva della moka domestica una cattedrale, oppure le Torri del servizio disegnato da Massimiliano Fuksas e Doriana Mandrelli.

E inoltre: le caffettiere domestiche disegnate da Richard Sapper, la Pulcina di Michele De Lucchi per Alessi, la Caffettiera Napoletana 90018 e il Prototipo di latta di Riccardo Dalisi e la serie di tazzine illy Art Collection, decorate da artisti contemporanei del calibro di Michelangelo Pistoletto.

caffè
America, Gaggia, Milano, 1958, MUMAC, Museo della Macchina. Courtesy MUMAC

Sono numerosi i pezzi introvabili in esposizione, come la prima moka, prodotta da Bialetti, brevettata nel 1933 a Omegna da Alfonso Bialetti, che oggi rappresenta il simbolo del caffè italiano nel mondo.

Un percorso che racconta un’evoluzione che va di pari passo con una ricerca tecnologica approfondita, soprattutto quando si arriva alle macchine professionali, con la presenza di modelli di marchi storici della produzione da bar come Gaggia, Faema, La Cimbali e macchine da caffè espresso domestiche dotate di sistemi innovativi, come A modo mio, prodotta da Lavazza, che si collega con Alexa.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here