GIA 2018-2019 Italia: Caffetteria Bookshop TYPO al MAXXI – Roma

2
211

Questo punto vendita è candidato alla selezione italiana del Global Innovation Award GIA 2018-2019. Una giuria di esperti decreterà i vincitori italiani che saranno premiati il 16 settembre a HOMI, Fiera Milano – Rho.

Vota ora!

Un locale multifunzionale, che mescola servizi di ristorazione e vendita ad un’architettura innovativa, centrata sulla fruizione libera dello spazio e degli elementi che lo compongono per offrire un’edita esperienza d’accoglienza e d’acquisto che ha per sfondo il MAXXI di Roma. E’ la Caffetteria -Bookshop TYPO, inaugurata un anno fa all’interno del Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo, a seguito del progetto vincitore del bando internazionale promosso dalla Fondazione MAXXI per la riqualificazione degli spazi del museo romano. Il concept compositivo è firmato dall’architetto Andrea Lupacchini, che utilizza il linguaggio della contaminazione per rivoluzionare la tradizionale idea di punto vendita e inventare un nuovo modello di spazio commerciale, legato ad un polo museale considerato epicentro delle culture moderne. Typo è caffetteria e bookshop aperto al pubblico, ma è anche luogo di scambio e di eventi dove poter mangiare e comprare. L’ambiente di 450 mq, con 8 vetrine di cui alcune su strada e alcune collegate all’edificio, è un open space allestito con un arredo decostruito e fluido, dove è possibile lavorare, studiare e rilassarsi lasciandosi ispirare da un’offerta selezionata di pubblicazioni di arte, architettura, design, fotografia nonché cataloghi, pubblicazioni del Museo, merchandising del MAXXI e oggettistica di design. Il lay-out si muove su una linea che percorre trasversalmente lo spazio grazie a contenitori caleidoscopici, mutevoli e flessibili, caratterizzati da una forte elaborazione delle forme, che fanno convivere luoghi dedicati al coworking libero (banconi attrezzati in Corian cablati e illuminati appositamente), con spazi per la lettura e la socializzazione (poltrone, divani e tavolini), luoghi dell’esporre (scaffalature, espositori, pareti mobili) e luoghi del consumare (banconi, panche, tavoli alti e bassi, salottini). Una sapiente ibridazione tra tecnologia, cultura del cibo e dell’arte, aspetti vagamente domestici ed altri metafisici, socialità ed intimità, accompagnano il visitatore in un percorso sensoriale che rimane nella memoria come coronamento delle esperienze vissute nelle mostre ospitate nel Museo del XXI secolo.

Punti di forza

  • Ibridazione dello spazio architettonico
  • Nessuna limitazione nell’uso degli spazi e dei percorsi
  • Punto vendita autonomo rispetto al museo
  • Polo attrattivo a servizio delle iniziative del MAXXI

Vota ora!

2 COMMENTS

  1. Locale delizioso, fantasioso, elegante e funzionale, adatto al relax, all’incontro, necessario al quartiere, in linea con un gusto mittel europeo.

  2. Ambiente elegante ed armonioso ideale per incontri, letture e relax. Gli spazi luminosi e ampi sono moderni ma allo stesso tempo caldi ed accoglienti e soprattutto perfettamente in linea con l’architettura e le linee del MAXXI. Esattamente quello che si cerca in una location di questo tipo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here