Viaggio nel mondo della porcellana portoghese

0
165
Lionel Balteiro | LaMousse

Edificato nel 1920 intorno ai due forni storici della antica manifattura portoghese, il museo Vista Alegre, nasce  originariamente come un luogo destinato  a custodire le varie collezioni realizzate.  Nel 1964 viene invece aperto al pubblico come vero e proprio museo e, di recente, tra il 2014 ed il 2016, è stato ristrutturato ed ampliato per offrire una panoramica completa del percorso storico del Marchio.


Lionel Balteiro | LaMousse

Attraverso le varie sale di cui è composto, è possibile ripercorrere i periodi di produzione che compongono la storia della reale manifattura Vista Alegre, fondata nel 1824 da João Ferreira Pinto Blasto;?si susseguono  pezzi di  valore inestimabile ed altri puramente aneddotici, che consistono in semplici prove di laboratorio o documentano forme e funzioni curiose.

Si inizia dagli oggetti in vetro ed in cristallo, i primi ad essere prodotti nei forni della fabbrica, si passa poi ad articoli in pasta non vetrificata del periodo compreso tra il 1824 ed il 1832; per arrivare ad alcuni esempi delle prime prove in porcellana (1832-1838). una ampia selezione documenta   l’era del celebre ritrattista Victir Rousseau (1836-1868),  che Ferreira Pinto Blasto chiamó dalla corte dei reali  d’Inghilterra per dirigere la manifattura; l’esposizione continua  raccontando i differenti percorsi stilistici  fino ad arrivare ai pezzi firmati da rinomati nomi del design  contemporaneo. È cosi possibile seguire l’evoluzione estetica della produzione di porcellana ed il suo significato nella società portoghese della seconda metà dell’Ottocento e del Novecento fino ai giorni d’oggi, attraverso una collezione museale che è una tra le più complete in questo settore.

Nel Museo Vista Alegre sono inoltre esposti disegni e fotografie originali, libri d’epoca, nonché degli utensili ed altri oggetti che costituiscono la documentazione storica del marchio.  Le varie sale che compongono il museo sono ubicate in un vecchio reparto della storica manifattura, come lo testimoniano appunto i due immensi forni a carbone e legna presentati nel sito espositivo, insieme a  tutti gli strumenti per la produzione della porcellana.

Lionel Balteiro | LaMousse

Accanto museo sorgono l’imponente cappella seicentesca Nostra Signora della Roccia di Francia e il laboratorio di pittura manuale, uno tra i settori d’eccellenza di questa manifattura..

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here