Mascherine (di design) come e quando usarle

0
67

Sono già molte le aziende che hanno deciso di riconvertire parte della propria produzione per rispondere alla crescente domanda di mascherine, prodotti e dispositivi di protezione fortemente richiesti a causa dell’emergenza Coronavirus. Tra queste diversi brand di eccellenza nella produzione di biancheria e oggettistica per la casa che, dopo aver ricevuto l’autorizzazione da parte del ISS (Istituto Superiore di Sanità) o in attesa di Certifcazione, si aggiungono alla lista dei grandi nomi della moda e dei più noti progettisti del design italiano.

I modelli proposti in questa minirassegna sono prodotti, o progettati, per soddisfare i requisiti previsti dalle norme sui dispositivi di protezione DPI e rappresentano delle barriere quotidiane per frenare la diffusione del contagio filtrando l’aria che respiriamo o emettiamo.

La principale via di trasmissione del virus sono le goccioline di saliva infette che passano attraverso le nostre vie respiratorie. Le mascherine chirurgiche, di stoffa, di carta monouso o con filtro sostituibile, nascono per proteggere gli altri dai nostri fluidi e non viceversa. Sono quindi adatte a un utilizzo diffuso e sempre consigliabili (quando non obbligatorie come in Lombardia) in situazioni di vita quotidiana: tutte le volte che si esce di casa e in luoghi in cui c’è possibilità di un’elevata circolazione del virus come supermercati e mezzi di trasporto. Ma ha senso utilizzarne una anche in casa quando andiamo a trovare i nostri parenti.

Attenzione, però, al modo di indossarla: va presa dagli elastici senza toccarne la superficie, con mani sempre igienizzate, e va sistemata sul viso coprendo naso e bocca. Quando diventa umida va lavata oppure sostituita, con una nuova (o con un filtro nuovo), buttandola ripiegata su se stessa direttamente nella raccolta indifferenziata.

Ricordiamo comunque che per una vera protezione efficace è necessario adottare un insieme di misure: uscendo di casa per sole ragioni di necessità, rimanendo a distanza di almeno un metro dagli altri e curando costantemente l’igiene delle nostre mani.

1CONCHIGLIA di Fazzini

L’azienda Fazzini, marchio made in Italy che da sempre adotta lo stile e il gusto come suoi valori fondamentali, ha riconvertito parte della sua produzione alla realizzazione di due tipologie di mascherine:

Mascherine chirurgiche Conchiglia Type IIR*, che soddisfano i requisiti richiesti dalle norme UNI EN ISO 10993-1:2010 e UNI EN 14683:2019 e prodotte ai sensi dell’art. 15 comma 3 del DL 17 marzo 2020, n. 18.

Mascherine Conchiglia Plus**, filtranti in uso alla collettività, prodotte ai sensi dell’art. 16 comma 2 del DL 17 marzo 2020, n. 18. Le mascherine Conchiglia Plus si distinguono dalle precedenti per l’aggiunta di dettagli estetici, un tocco decorativo che è tratto riconoscibile del savoir faire dell’azienda. Lo strato esterno, infatti, è stato realizzato in Puro Lino Tinta unita, in 3 diversi colori (Blu quetzal, Rosso rubino e Senape), e per gli elastici è stato scelto il nero.

Le mascherine sono in vendita sull’e-commerce www.fazzinihome.com, in tutti gli Store Fazzini e presso i rivenditori di tutta Italia, inoltre una parte della produzione delle mascherine Conchiglia Plus sarà devoluta alla Croce Rossa sezione di Gallarate.

2CINELLI HEALTH di Cinelli Piume e Piumini

Cinelli Piume e Piumini, dal 1964 esperti nella lavorazione della piuma, lancia la linea CINELLI HEALTH, la linea di mascherine riutilizzabili, lavabili e asciugabili a 60°, per proteggere, sé stessi e gli altri. Grazie al proprio know-how brand, il brand da sempre portavoce del benessere della persona, ha realizzato le mascherine facciali con due elastici laterali sono composte da 3 strati Anti-Droplet: due strati in cotone idrorepellente antibatterico e uno strato di TNT.

Non sono dispositivi ad uso sanitario, sono sanificate con Ozono e prodotte in conformità al DL 18/2020 art. 16 comma 2. Per procedere alla realizzazione della linea CINELLI HEALTH, l’azienda ha creato uno specifico Sistema di Gestione della qualità, che si avvale di procedure definite per il controllo e la gestione dell’intero processo produttivo. A partire dalla tracciabilità dei materiali, sia per i prodotti messi in commercio sia per le materie prime, passando per tutta la produzione, che avviene in ambienti dedicati e sanificati giornalmente. Per arrivare al confezionamento finale, che viene effettuato in aree separate dove il prodotto è sottoposto a  purificazione e sanificazione con ozono (in rispetto alla relativa tabella ministeriale). La busta, contenente 20 mascherine, viene infine sigillata e termosaldata.

3PROTOTIPO CREATIVO di Massimo Iosa Ghini

Il pluripremiato designer italiano Massimo Iosa Ghini lancia il progetto per la creazione di una nuova maschera in grado di contrastare l’epidemia da COVID-19. E lo fa attraverso la creazione di un team interdisciplinare che riunisce professionisti provenienti da vari settori e che mira ad applicare alla maschera una tecnologia specifica per la protezione dai virus. L’intento del team Iosa Ghini è sviluppare un prototipo di maschera immediatamente pronta per essere industrializzata.

“In questo periodo di emergenza sanitaria, dove tutti devono limitare le interazioni tra persone e dove gli spazi sembrano disabitati, ci sono molti fattori da considerare” – spiega Massimo Iosa Ghini – “Qualsiasi ambiente deve essere ripensato e riprogrammato e con loro anche il nostro modo di interagire e i nostri comportamenti”. “Il design deve dare il suo contributo e la responsabilità del designer è quella di condividere soluzioni tangibili. Ho pensato di progettare una nuova maschera, esteticamente piacevole, facile da usare e soprattutto che possa essere utilizzata ripetutamente”. La nuova maschera pensata da Massimo Iosa Ghini è trasparente, in grado di creare un ponte sociale immateriale tra le persone, permettendo ancora le relazioni umane in questo periodo in cui è difficile instaurare dialoghi e contatti.

4SAFE BREATH di TGroup

Contro il Covid-19 TGroup lancia Safe Breath, la mascherina disegnata da Design Group Italia e prodotta da Terenzi Srl, realtà produttiva che si è riconvertita tempestivamente per contribuire nell’aiuto al nostro Paese e agli operatori sanitari. In particolar modo producendo mascherine facilmente igienizzabili e quindi riutilizzabili, con filtri sostituibili, che sono ora in fase di certificazione CE.

Safe Breath è progettata pensando al valore della prevenzione anche durante la fase di ripresa. Per consentire un rientro graduale e sicuro per aziende e professionisti nell’imminente riapertura delle attività. Design e ingegnerizzazione sono predisposte in un’ottica di utilizzo che prevede: la facile sostituzione del filtro ad alto potere filtrante, la possibilità di numerosi utilizzi e la durabilità nel tempo; nonché adattabilità ergonomica e praticità di utilizzo.

La forma della mascherina Safe Breath, ottenuta conformando un morbido copolimero a elevate prestazioni, garantisce una tenuta sul viso e una comoda vestibilità. Il materiale, privo di ftalati, è inoltre stato scelto per le sue caratteristiche di elasticità, biocompatibilità, antimicrobicità, resistenza agli agenti chimici e a numerosi cicli di sterilizzazione. Tutti i componenti sono comunque concepiti per durare a lungo nel tempo, e sono facilmente igienizzabili e sterilizzabili, semplicemente con acqua e detergente.

L’acquisto di Safe Breath è possibile sul nuovo e-commerce di Terenzi Srl

5HI SOSTENIBILE di Koziol

La mascherina HI di Koziol è un prodotto sostenibile e funzionale allo scopo di prevenzione di diffusione di patogeni per le seguenti motivazioni:
isola meglio di una mascherina usa e getta tradizionale, che non sempre si adatta al viso dell’utilizzatore
– è lavabile in maniera semplice, anche in lavastoviglie, così da garantire sempre una perfetta igiene
– ha il filtro sostituibile (in caso di mancanza dei ricambi originali, si può utilizzare un qualsiasi pezzo di cotone multistrato).

 

 

 

 

 

Inoltre, presenta vantaggi come:
– la possibilità di riutilizzo per molto tempo (sostituendo giusto il filtro);
– l’ecosostenibilità garantita dai materiali della serie Koziol Organic;
– la disponibilità di vari colori, atti a garantire la distinzione per nucleo familiare, oltre che un’accezione di moda e tendenza;
– tutte le garanzie di atossicità e qualità tipiche di un’azienda “made in Germany” storica come Koziol”.

Leggi tutte le informazioni

In Italia è distribuita da Merito.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here