Rinasce il Lino di Astino

0
65

Appuntamento a giugno per vedere il lino in fiore nei campi di Astino. Uno spettacolo reso possibile grazie a Linificio e Canapificio Nazionale (Marzotto Group) di Villa d’Almè, leader internazionale nella produzione ad alta sostenibilità di filati di lino alto di gamma, che oggi, dopo oltre 60 anni, è riuscito nell’impresa di riprendere la coltivazione del lino in Italia.

Un’occasione che verrà raccontata per tutto il mese di giugno anche da una serie di eventi e mostre a base di lino che animeranno sia il centro di Bergamo  sia la piccola valle  di Astino.

L’affascinante iniziativa, volta ad esaltare anche il forte legame con il territorio bergamasco, culla del tessile liniero italiano, fa parte di un progetto di valorizzazione della cultura del lino a KMzero frutto della collaborazione tra Linificio e Canapificio Nazionale e alcune delle eccellenze della filiera tessile liniera locale.

Tra i sostenitori anche Gruppo Martinelli Ginetto che partecipa con due azioni: la fornitura del tessuto di lino e la realizzazione in stampa digitale delle 60 riproduzioni di opere dell’Accademia Carrara esposte a Bergamo sul Sentierone e la produzione limitata di 150 esclusivi completi letto realizzati proprio con il lino coltivato ad Astino.

Si tratta di una materia prima si altissima quota che nasce dall’eccellenza dei semi provenienti direttamente dalla Normandia, che Linificio e Canapificio Nazionale riceve da Terre de Lin, una delle più importanti e prestigiose cooperative di produttori di lino a livello mondiale, e che ha seminato in aprile all’interno dell’esclusiva area agricola di Astino.

La coltivazione darà vita a 1000 kg di fibra di lino che saranno filati a Villa d’Almé per restituire un filo in limited edition, 100% Made in Italy e a KMzero, tinto da Dyeberg, che verrà acquistato in esclusiva per la moda da Albini Group per la realizzazione di tessuti della massima qualità destinati ai più prestigiosi camiciai su misura e alle più esclusive aziende fashion. Per l’arredo, invece, il tessuto andrà in esclusiva proprio a Martinelli Ginetto per la limited Edition dei 150 esclusivi completi letto.

Martinelli Ginetto 

E’ un Gruppo manifatturiero bergamasco che copre con posizione di leadership diversi segmenti della filiera tessile, ed è da sempre attento alla selezione di tutte le materie prime per garantire una qualità superiore del prodotto. Il Gruppo adotta infatti a monte della produzione un avanzato sistema di qualità e un consolidato network di fornitori-partner.

Nel caso del lino l’utilizzo di una fibra pregiata – lino 100% Europeo a lungo tiglio selezionato dai migliori produttori agricoli, stigliatori e pettinatori francesi e belgi– e l’impiego di tecnologie all’avanguardia consente maggior resistenza, elasticità e performance, dando ai tessuti una versatilità e un comfort che aumenta nel tempo. Da molti anni è infatti membro del Club Masters Of Linen, l’organismo che raggruppa le migliori realtà industriali europee che trasformano la fibra di lino in prodotti innovativi di alta qualità venduti in tutto il mondo-

Il know-how dell’azienda si esprime anche nella stampa digitale come testimoniano, fra l’altro, proprio i 60 pannelli d’arte realizzati in occasione della mostra. La stampa digitale con tecnologia di ultima generazione è utilizzata dall’azienda soprattutto per tessuti da biancheria e arredo, e per gli originali tessuti da parete della collezione The Grand Design di KOHRO, il brand del gruppo dedicato all’interior decoration che si rivolge ad architetti e arredatori oltre che al cliente finale.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here