Fazzini presenta Veneri Italiche, il trittico firmato dall’artista Andrea Crespi 

L’opera, realizzata in edizione numerata e limitata a 99 pezzi, si inserisce nella collezione di multipli tessili d’autore avviata dall’azienda negli anni settanta con l’intento di tradurre l’esperienza produttiva in contenuti culturali

Fazzini prosegue il progetto artistico dei multipli tessili d’autore e presenta l’opera in edizione numerata e limitata a 99 pezzi Veneri Italiche, firmata dal talent artist Andrea Crespi. Avviata negli anni Settanta dal Ricamificio Zibetti, fondato dal bisnonno di Paolo e Marco Fazzini che con la madre Maria Alberta Zibetti guidano l’azienda Fazzini, la collezione comprende i lavori di alcuni grandi maestri italiani, fra cui Gio Pomodoro, Bruno Munari, Luigi Veronesi.

Recentemente rilanciato da Paolo Fazzini, con il desiderio di valorizzarne il prezioso patrimonio, il progetto ha visto l’anno scorso il coinvolgimento di Vittore Frattini che, avendo lavorato con Veronesi, ha definito un virtuoso collegamento filologico con il passato e oggi esplora nuovi significati artistici con l’opera di Andrea Crespi.

Veneri Italiche è un trittico che, superando la dimensione spazio temporale, incarna l’essenza dell’italianità: l’opera reinterpreta la Venere Italica di Canova sottoponendola ai codici estetici contemporanei, per dimostrare come sia possibile omaggiare la storia e le radici culturali del Paese senza rinunciare alla rilevanza artistica dei nostri tempi. Veneri Italiche è un vero e proprio inno visivo all’italianità, che restituisce con straordinaria sensibilità un messaggio di speranza, fede e amore, e richiama nei colori scelti per la composizione la bandiera, apportando così ulteriore profondità e significato alla raffigurazione complessiva”, ha commentato Andrea Crespi.

Il trittico si sviluppa in tre elementi distinti per colore, che rievocano il verde, il bianco e il rosso del tricolore, su cui l’autore ha riportato attraverso la sua reinterpretazione dell’illusione ottica la sagoma dell’opera canoviana. Celata nella ripetizione di linee grafiche realizzate a ricamo, la figura emerge riportando alla mente un’immagine immediatamente riconoscibile. Ed è proprio nella sperimentazione di effetti illusori che Andrea Crespi indaga il linguaggio classico, inteso come espressione assoluta di bellezza e armonia: sottraendo dettagli e sfumature l’artista celebra la forza essenziale della linea e la sua capacità di ripristinare immediatamente l’iconicità del soggetto.

“Siamo molto orgogliosi di poter inserire nella collezione dei multipli tessili d’autore l’opera di Andrea Crespi, con cui condividiamo valori importanti. Ci accomuna, infatti, la territorialità perché l’artista è nato e vive a Gallarate, ma anche l’interesse per l’eccellenza dei contenuti culturali e produttivi italiani. Il progetto Veneri Italiche ci consente di continuare a decodificare i linguaggi espressivi contemporanei con lo stesso approccio sperimentale con cui cinquant’anni fa sono nate le nostre prime collaborazioni artistiche”, ha aggiunto Paolo Fazzini.

Arte e produttività si intrecciano nel progetto per rimarcare il valore delle contaminazioni, come chiave della creatività. Una commistione di competenze tenuta insieme da un filo, che da un lato rappresenta la materia prima della produzione tessile Fazzini e dall’altro richiama la ripetizione illusoria di segni con cui Andrea Crespi si è fatto apprezzare nell’ambito del mercato dell’arte e dei contesti museali, fra cui il Maga di Gallarate.    

Il trittico è ricamato su lino tinto in capo ed è composto da tre elementi di 45×45 centimetri, proposti ognuno in soli 33 pezzi per un totale di 99.

Related Posts

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

4,240FansLike
2,199FollowersFollow
100SubscribersSubscribe

Recent Stories