Pick up in store quando l’online incontra l’offline

0
199

Con Francesca Alessi, Amministratore di Evviva Company abbiamo approfondito un progetto di pick up in store  realizzato dall’azienda con l’obiettivo di guidare chi acquista online anche all’interno punto vendita.
“Il Pick up in store è un metodo di acquisto ibrido tra online e offline, che permette agli utenti di acquistare un articolo online e di ritirarlo presso un punto vendita.Con il Pick up in store l’utente ha la possibilità di sfogliare il catalogo online di Evviva ovunque e in qualsiasi momento. Una volta aggiunto il prodotto al carrello, l’utente può scegliere di ritirare personalmente il suo acquisto in negozio. Può scegliere il punto vendita più vicino alla sua abitazione su una mappa o inserendo il CAP. In questo caso, troverà nel punto vendita tutta l’ assistenza del negoziante nell’ illustrare quanto acquistato e nel soddisfare eventuali ulteriori esigenze.  Questo con lo scopo, per il consumatore, di avere un’ esperienza d’acquisto d’eccellenza e, per il negoziante un partner qualificato nella gestione delle vendite on line.Con il progetto PICK UP IN STORE, abbiamo voluto mettere in campo un importante strumento a supporto delle moltissime attività che non hanno il giusto konw how e la possibilità d’investimento per creare, gestire e supportare un sito di vendita on line. Il Pick up in store permette dunque al consumatore di poter accedere a tutte le proposte EVVIVA, ed al rivenditore di avere in negozio un cliente già predisposto all’ acquisto al quale può facilmente fare azioni di cross ed up selling senza impegni di magazzino, con il minimo sforzo e con una marginalità praticamente uguale a quella della vendita in store”.

Quali i vantaggi iniziative di questo tipo possono portare ai punti vendita?
“Questo tipo di attività ha molteplici vantaggi per i punti vendita ai quali offriamo la possibilità di essere parte di un network strutturato con tutti i mezzi, economici e di know how, per gestire al meglio le vendite on line che, essendo il presente, devono diventare “alleate” dei nostri rivenditori. Gli Evviva Point, dovranno semplicemente avere un’ adeguata rappresentatività del mood Evviva, senza particolari vincoli, che permetta al consumatore di ritrovare nel negozio l’ esperienza d’acquisto provata in internet.Di conseguenza, il primo vero vantaggio per il rivenditore, è di trovarsi in negozio dei clienti, che altrimenti non avrebbe raggiunto, già predisposti a spendere in quanto arrivati a lui per concludere quanto iniziato on line. Questo gli darà la possibilità di attuare tutte le sue strategie di cross ed up selling.Un’ altro vantaggio molto importante è legato al fatto che quanto acquistato in rete verrà spedito per il ritiro nel punto vendita che potrà sfruttare così la nostra capacità di magazzino senza appesantire il proprio. Come ultimo aspetto, ma non per importanza, questo tipo di servizio permettere al nostro Evviva Point di mantenere la giusta marginalità che rimane sostanzialmente invariata tra vendita on line ed in store”.

 Attualmente  quanti punti vendita hanno aderito?
“Attualmente possiamo contare su circa 500 Evviva Point sul territorio nazionale ma contiamo su un’ ulteriore crescita nel corso del 2023”.

 Quali gli obiettivi che vi proponete?
“Il nostro obiettivo è quello di crescere insieme ai nostri clienti in un mercato in continua evoluzione. Lo shopping online è ormai un modo molto comune di fare acquisti dal quale non è più possibile esimersi. Per questo vogliamo fornire al consumatore un’ ottima esperienza di acquisto e dare al nostro rivenditore la possibilità di finalizzarla appoggiandosi a noi che gestiremo tutti gli aspetti operativi. Vogliamo essere sempre più dei partners dei i nostri rivenditori mettendo a disposizione non solo i nostri prodotti, ma soprattutto il nostro know-out”.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here