Guzzini. Un percorso autentico, onesto e credibile

0
26
Guzzini

GuzziniDomenico Guzzini, presidente di Fratelli Guzzini, ci parla di cosa significhi davvero per un’azienda essere green. Come si esprime oggi il concetto di sostenibilità nella strategia dell’azienda?

Siamo una delle prime aziende al mondo a produrre nuova bellezza da materiali di seconda vita. Attraverso la ricerca, la tecnologia e il design, cerchiamo una rinascita dell’ambiente e accettiamo la sfida di rigenerarla e trasformarla, dando agli oggetti una nuova identità che definiamo positiva. Abbiamo messo in campo e stiamo ampliando un progetto specifico, Circle, che coinvolge tutti i prodotti provenienti dal riciclo di imballaggi plastici post consumo che finirebbero altrimenti per inquinare mari e suoli. Con Circle ripuliamo e rigeneriamo la natura, preserviamo nuove risorse, non aumentiamo lo stress dell’ambiente consumando boschi, minerali o altri materiali naturali: diamo ai materiali una nuova vita per creare oggetti durevoli, pronti per essere riutilizzati a contatto con cibi e bevande.

Quanto, secondo voi, la sostenibilità costituisce un valore aggiunto, quanto un fattore competitivo e quanto un mero costo da sostenere?

Per Fratelli Guzzini la sostenibilità rappresenta da un lato un valore aggiunto ad integrazione dei tradizionali valori di design e d’innovazione funzionale: per noi il bello e ben fatto è sempre stato un must e oggi lo è anche il rispetto dell’ambiente; dall’altro, essere un’azienda attenta alla sostenibilità è un fattore distintivo rispetto a un’offerta di mercato ancora molto tradizionale, spesso non autenticamente sostenibile. Un costo? Tutte le nuove iniziative presuppongono dei costi ma il rapporto costi-benefici, in questo caso, è decisamente positivo e non solo in termini di business.

Sostenibilità uguale verità: ci racconta attraverso quali progetti declinate questo assunto a 360 gradi, dalla selezione delle materie prime al packaging?

Oggi è possibile realizzare una sostenibilità ambientale credibile, autentica ed efficace solo grazie a quattro elementi fondamentali: un completo controllo e una profonda conoscenza delle filiere di approvvigionamento delle materie riciclate post consumo; una competenza in tema di tecnologia di trasformazione delle materie prime seconde, un network di conoscenze e avere un ruolo attivo nell’ambito delle filiere circolari di settore. Noi abbiamo creato un network di competenze intorno all’azienda collaborando con le Università per lo studio delle performance delle nuove materie plastiche riciclate, con scuole di eco design e con le migliori aziende produttrici di materia prima seconda e ci confrontiamo attivamente con Corepla, il Consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica.

COMUNICARE UN PERCORSO SOSTENIBILE

Guzzini«Per noi è fondamentale una comunicazione che sia onesta e autentica: diciamo quello che facciamo e facciamo quello che diciamo. Comunicare il reale e il concreto contributo evidenziando, per esempio, il numero di bottiglie e di flaconi usa e getta recuperati per realizzare nuovi oggetti. Questo è uno strumento molto efficace perché facilmente comprensibile anche per il consumatore. Un altro ruolo importante lo gioca il design formale dei prodotti: le finiture, i colori, le forme possono evocare e restituire un senso di rispetto della natura e di assonanza con essa. Inoltre, il progetto Circle ha packaging e visual merchandising dedicati con un’immagine fortemente evocativa della sostenibilità ambientale e dai contenuti autenticamente sostenibili: carte 100% riciclate e 100% riciclabili e da filiera FSC».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here