Reale e virtuale si incontrano in negozio

0
35

 

Il negozio del futuro? Un luogo in cui le tecnologie amplificano l’esperienza.

E’ quanto ha raccontato lo studio di design Gruschwitz nella mostra Vom Point of Sale zum Point of Experience durante l’ultima edizione di Ambiente Francoforte: una vera propoia simulazione di un negozio fisico in cui la dimensione virtuale serve per coinvolgere maggiormente il potenziale cliente.

Ecco allora che in vetrina vengono proiettate le previsioni del tempo e, in base alle informazioni fornite, vengono proposti i prodotti giusti da acquistare. Sempre dall’esterno è visibile una proiezione con recensioni sui prodotti da parte dei consumatori.

Proseguendo all’interno si accede all’area check-in dove brevi video mostrano diversi articoli promozionali durante l’utilizzo. Parte della zona d’ingresso è anche un’area dedicata agli eventi .

Il percorso porta a uno spazio di vendita rétro di prodotti gastronomici e da qui verso l’area “Tischlein deck dich” (tavola imbandita). Uno scaffale interattivo invita i visitatori a osservare e a toccare gli oggetti. Informazioni dettagliate sul prodotto si ottengono posizionando le merci sulla tavola. Inoltre è possibile visualizzare anche virtuali mise en place complete. Schermi installati sul soffitto come pannelli creano la giusta atmosfera. Passando per il sistema di valutazione digitale del prodotto del mese, la cabina con proiezioni video a 360 gradi ad alta risoluzione che suggeriscono acquisti indotti, la tavola nuziale in augmented reality e l’area dedicata ai prodotti personalizzabili, il percorso di visita conduce all’area log-out. Dove è possibile utilizzare differenti metodi di pagamento e farsi consegnare gli oggetti direttamente a casa.

“Il concetto di negozio del futuro coniuga vari interessi e genera continuamente nuovi stimoli, meglio se in real time”, commenta Wolfgang Gruschwitz, amministratore delegato dell’omonimo studio. “Ciò che conta è attirare l’attenzione e creare una relazione stabile con il consumatore tramite le emozioni.”

Clicca qui per informazioni sulle tecnologie utilizzate 

Real and virtual meet in store

The store of the future? A place where technologies amplify the experience.

That’s what the Gruschwitz design studio in the exhibit Vom Point of Sale zum Point of Experience told during the latest edition of Ambiente Frankfurt: a true simulation of a physical sales space in which the virtual dimension helps to involve the potential customer.

Weather forecast is shown in the shop window and, according to the information, the right products to buy are offered.

From the outside it is also visible a projection with reviews on products by consumers 

The visitor then reaches the check-in zone where a variety of specially promoted products are demonstrated through video clips on several monitors. The entrance area also has an event zone.

Passing a traditional corner shop, the visitor is taken to a culinary retro sales area and a Wishing Table. This is an interactive shelf which invites the customer to take a close look and which is – literally – tangible, i.e. the items can be touched. Detailed product information is presented as soon as the relevant item is placed on the table Entire dinner arrangements can be virtually placed on this table in this way. In the meantime a vital ambience is created by various monitors installed in the form of ceiling panels

Next, the visitor moves past a digital rating system on the product of the month, a high-resolution 360-degree product cabin, an augmented reality wedding table and an area for customisable products and eventually reaches the log-out zone.

“The shop concept of the future will create combinations between different interests and will continually generate new stimuli – ideally in real-time,” says Wolfgang Gruschwitz, Managing Director of the design and realisation studio Gruschwitz GmbH. “It’s a matter of drawing attention and building a robust relationship with the consumer through emotive content

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here