Villla d’Este Home Tivoli. Portare il fashion in tavola

Siamo andanti alla scoperta del backstage di Villa d’Este Home Tivoli.

Villa d’Este Home Tivoli nasce all’interno di Galileo spa, azienda di riferimento nel settore dei prodotti della casa, fondata nel 2005. Anche se le origini risalgono, in realtà, a circa 80 anni fa, quando esisteva solo una piccola azienda a conduzione familiare che, partendo dal commercio ambulante, si è strutturata diventando, grazie a un duro lavoro, un modello di business in cui creatività e intraprendenza, tipici del Made in Italy, si mescolano alla lungimiranza, alla grande capacità di anticipare le tendenze di mercato. Quindi, di fatto, quella di Villa d’Este Home Tivoli è la storia di una family company di successo.

Barbara Vitali, fondatrice del brand, ci racconta il concept.

Come nascono ogni anno le nuove collezioni e i nuovi percorsi tematici?
Villa d’Este Home Tivoli presenta ogni anno una collezione tableware quasi totalmente rinnovata.

Mantenendo tuttavia alcuni temi ricorrenti, grandi classici e decori intramontabili che ritornano nelle collezioni da ormai 22 anni. A questi si affiancano nuove linee che prendono spunto dal mondo della moda. Seguiamo sempre con molto interesse, infatti, i tessuti e le fantasie proposti sulle passerelle, ci lasciamo ispirare soprattutto dagli abiti femminili e prestiamo un’attenzione particolare al colore Pantone dell’anno, anche perché l’ambito cromatico è sicuramente quello che ci interessa maggiormente. Nella collezione 2019, ad esempio, ci siamo focalizzati su quattro temi.

Il jungle, soggetto ancora molto forte, rivisitato in modo originale, un po’ azzardato e presentato sotto una nuova luce. Abbiamo osato proponendo sui piatti, accanto alla flora tropicale, pappagalli multicolore, tigri selvagge e inusuali zebre.

C’è poi il coastal, stile che torna ogni anno rivisitato in termini cromatici, attingendo comunque alle tonalità dell’azzurro, del verde, del blu e dell’acqua marina. I decori, invece, parlano la lingua del mare e ripropongono in declinazioni sempre nuove la fauna acquatica. Amiamo questo tema e lo ripresentiamo perché è fortemente indicativo del nostro Paese. L’Italia, stretta e lunga, è composta maggiormente da coste e le città che si affacciano sul mare sono moltissime. Di conseguenza, i negozianti del settore homeware sono sempre alla ricerca di questa tipologia di articoli.

Troviamo poi uno stile etnico frutto di contaminazioni, difficilmente attribuibili a una parte di mondo ben specifica. È caratterizzato da tratti molto semplici, stilizzati e abbastanza sommari.

Ultimo tema di quest’anno è il materico, con cui intendiamo tutta una serie di elementi che definiscono una sensazione tattile particolare. Per esempio, sulla superficie del servizio Canapa abbiamo ricreato la stessa irregolarità che si percepirebbe se toccassimo l’omonimo tessuto. Questo effetto rende le creazioni molto particolari conferendo irregolarità alle forme, sia nel perimetro che nell’area stessa del piatto.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here