Made in Italy, un brand da pensare, produrre, tutelare e comunicare: Laura Tarroni

Laura Tarroni

Laura Tarroni, direttore di Casastile e Arredo e Design

Di fronte ai dati in crescita e al potenziale ancora inespresso del Made in Italy, nasce l’esigenza di fare qualche riflessione sul significato di questo “capitale”. E per capire il fenomeno di cui stiamo parlando, Laura Tarroni presenta un rapido flash che mette in evidenza i settori più trainanti e i mercati di riferimento. Proponendo anche una interessante carrellata di brevi interviste ai giornalisti della stampa internazionale di settore che hanno raccontato qual è la percezione del Made in Italy all’estero.

IMG_5766

Il 2015 è stato un anno eccezionale per l’export italiano: il trend positivo, cominciato nel 2009, prosegue e giunge a un saldo di 122,4 miliardi. I settori che trainano di più sono l’automazione meccanica, l’abbigliamento moda, l’arredo casa e il settore alimentari-bevande. E l’aspetto interessante è che a essere vincenti nell’export sono proprio le PMI, perché giocano sulla sensibilità, sull’elevata partecipazione, sulla cultura del buon gusto e sul saper fare, che sono le carte fondamentali per giocare sui mercati dell’export.

Ma quali sono i principali partner commerciali? Germania, Francia, USA e Regno Unito. In crescita Emirati Arabi (+15,4%), Stati Uniti (+15,2%) e Spagna (+10%). In contrazione, invece, Austria (-0,2%) e Russia (- 25,2%). Se penetriamo nel settore casalinghi in metallo, la quota di export è del 65% (562 milioni di euro), e i principali partner sono Germania, Francia e Spagna e gli Stati Uniti in crescita con un +54% (fonte Anima). Ma anche nel settore tessile casa il trend è favorevole (+1,5%), un po’ diversificato, con punte di biancheria casa (+ 5,3%) e il tessuto tecnico (+5,8%), e a seguire i tessuti (+0,45) e i filati (-2,7%). Principali partner sono Germania, Francia e in crescita Regno Unito e Spagna per l’area UE, mentre Stati Uniti (+ 22,1%), Hong Kong (+17,2%) e Russia in contrazione (-31,5%) per l’area Extra UE.

IMG_5719

Ma – numeri a parte - qual è la percezione del Made in Italy all’estero? Paesi come la Germania – che nel 2014 ha importato prodotti italiani per 48,5 milioni di euro - apprezzano l’Italian lifestyle per il food (il caffè), ma anche per gli articoli di vetro, le stoviglie, i dispositivi elettronici e le borse. Parole chiavi per Olanda e Australia è il buon design, la qualità, il valore e lo stile, valori che vengono associati alla gente e allo stile di vita italiano. Per l’America “la bellezza della forma è importante quanto la qualità e la funzione”. Quanto al prezzo, se per il Brasile è una criticità, per altri – come il Canada – è “un’alternativa gradita al made in Cina perché il consumatore canadese vuole il meglio”.

Bottone

Guarda il video

Leggi tutti gli interventi dei relatori intervenuti al workshop

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here