Casastile: è uscito il numero di maggio

Più 10% l’affluenza registrata all’edizione del Salone del mobile appena conclusasi (rispetto all’edizione 2015 che vedeva la presenza delle medesime biennali Euroluce e Salone dell’ufficio).

Ma oltre ai dati positivi relativi alla manifestazione in se stessa vanno segnalati il successo degli eventi del Fuorisalone e il traffico creato sui social: 428mila messaggi e 14 milioni di iterazioni (fonte Blogmeter).

Ancora una volta è emersa, dunque, la capacità dell’evento Salone di creare engagement: un coinvolgimento virtuale ma, per fortuna, non solo. Le vie di Milano, durante la Designweek, sono state realmente una sorta di Hub–museo a cielo aperto.

Uno scenario che merita una riflessione a livello strategico, al da là dei segnali ottimistici relativi all’andamento del mondo Casa.

La velocità con cui le informazione vengono diffuse e condivise rende necessario per chi vuole essere protagonista del mercato un aggiornamento continuo e una sempre maggiore competenza, come ha sottolineato anche Leatrice Eiseman, excutive director del Pantone Color Institute in un suo intervento all’IHHS di Chicago.

Ed ecco allora che in questo numero di Casastile vogliamo proprio tracciare un percorso per interpretare le nuove tendenze dei consumi e degli stili di vita. Iniziando dall’analizzare colori che, secondo Pantone, animeranno la casa nei prossimi mesi ma anche i comportamenti, gli stili del vivere che, come è emerso anche dal Salone 2017, vedono, ad esempio, sempre di più la caduta delle barriere fra in e out e poi il tema “urgente” della sostenibilità, il ritorno alla decorazione che porta il tessile ad essere grande interprete dell’arredo, ed anche i trend del visual e dello store layout che vedono gli spazi di vendita diventare amplificatori di racconti.

Un intrecciarsi di idee, di spunti, di temi che trovano la loro chiave interpretativa sempre però nella centralità dalla persona nei suoi desideri, nelle sue aspirazioni, la persona che acquista ma che è poi la stessa che fa la differenza nel progettare, nel produrre, nel vendere.

E’ proprio questo Umanesimo il trend che vi vogliamo raccontare.

Buona lettura

clicca qui per leggere Casastile 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here