Jodi Berg, Vitamix “vogliamo rendere il mondo un luogo migliore”

Jodi Berg (nella foto insieme allo chef Pietro Leemann) non è solo Presidente e Ceo di Vitamix, ma è fortemente impegnata, anche attraverso cariche istituzionali (è stata anche consulente di Barak Obama) sulla scena politica e sociale Usa nelle tematiche riguardanti la sostenibilità, la salute alimentare, i diritti delle donne.

La abbiamo incontrata a Milano in occasione di una sua visita alla Kunzi (distributore del brand).

“La nostra mission -spiega- è trasmettere un concetto di cibo sano ma nello stesso tempo in grado di comunicare piacere, gioia e la cui preparazione sia un’esperienza facile e gratificante. Vitamix è portavoce di valori chiari e imprescindibili fondati sulla centralità del cliente sul suo “stare bene” infatti il nostro brand è proiettato verso il futuro con l’obiettivo di contribuire a realizzare un mondo improntato ad una maggiore attenzione verso la salute e una alimentazione più sana”.

“Il concept di cucina sta cambiando – continua- sempre di più si comprende come un cibo salutare contribuisca a migliorare la qualità della vita. Inoltre si diffonde l’idea che il cibo sano può essere anche buono, gratificante creativo e soprattutto facile da preparare. Per questo la nostra ultima generazione di blender fa della mutlifunzionalità, dell’easy to do e naturalmente della qualità i suoi punti di forza-”

Pensa che l’Italia possa configurarsi come un mercato particolarmente sensibile a queste tematiche?

“In Italia l ‘attenzione verso il food è da sempre un must oggi questa attenzione si è arricchita di una sensibilità per il salutismo. Un percorso condiviso e amplificato anche da famosi chef . Per questo sono convinta che la proposta Vitamix possa realmente interpretare una reale esigenza di questo mercato consentendo di realizzare un cucina creativa e sana con facilità. Si tratti però di una proposta prodotto che va raccontata nel punto vendita facendone vivere l’utilizzo e l’esperienza culinaria di cui è portavoce.”

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here