Il Cenone perfetto secondo l’Istituto Glion. Buon 2018!

Come preparare il perfetto Cenone delle Feste: i consigli d'arte e d'atmosfera di Chantal Wittmann, docente presso il Glion Institute of Higher Education

In aiuto di chi è estraneo all’arte dell’accoglienza e poco pratico nell'organizzazione di un cenone memorabile arrivano i consigli di Chantal Wittmann, docente presso Glion Istitute of Higher Education - istituto universitario leader nella formazione manageriale nel settore Hospitality.

Insignita nel 2011 del titolo di MOF (Meilleur Ouvrier de France) la Wittmann è  riconosciuta come uno dei principali esperti nel settore dell’art de la table 

Esiste un vero piacere nel dare il benvenuto ai nostri ospiti che permetterà loro di apprezzare il tutto.” dice . Creare l’atmosfera per una cena speciale è un’arte ma non serve essere un maître d’hôtel per preparare un pasto memorabile, perciò Chantal Wittmann dispensa alcuni consigli:

prima di tutto pensare a quale tipo di ambiente si vuole creare (tranquillo e informale? stiloso ed esclusivo?

capire come si può trasmettere il mood prescelto coinvolgendo tutti e 5 i sensi e assicurandosi che tutti i dettagli siano in perfetta armonia.

Per realizzare invece un perfetto cenone per un’occasione speciale come la vigilia di Capodanno:

• Tovaglia: per un look classico, scegliete un colore chiaro. Il bianco è un color versatile con quasi tutte le stoviglie, mentre il grigio chiaro o l’argento si sposano bene per un’occasione speciale. Consiglio in più: state attenti alle pieghe che si possono creare sulla tovaglia, una volta sistemata sul tavolo eliminatele con una veloce passata di ferro da stiro.
Piatti: optate per la porcellana bianca abbinata a piatti color oro e argento per dare un tocco di eleganza. Mettete sopra il piatto di porcellana un tovagliolo bianco arrotolato in un fiocco argento e, per un tocco finale, aggiungete un cioccolatino o un piccolo dono.
Posate: se non è già troppo “piena”, posizionate tutte le posate necessarie per la cena sulla tavola. Di norma sono consentite al massimo tre varietà di posate per ogni lato del piatto – coltelli sulla destra, forchette e cucchiai sulla sinistra – posizionati dall’esterno all’interno secondo l’ordine di utilizzo. Al lato in alto del piatto, possono essere poste tre tipi di posate che siano un coltello da formaggio, un cucchiaio di media misura e una forchetta da dessert.
Cristalleria: posizionate un massimo di quattro bicchieri (da vino rosso, bianco, champagne e per acqua) alla destra del piatto, mentre il pane e i piatti da insalata vanno sulla sinistra. Da ricordare: i solidi sulla sinistra e i liquidi sulla destra.
Fiori e decorazioni: non è necessario sapere comporre bouquet strutturati per guarnire la tavola, basta un semplice mazzo di rose bianche in un piccolo vaso per dare un aspetto fantastico. Spargete dei lustrini sulla tovaglia per dare un tocco di brillantezza in più.
Luci e candele: dovete essere certi che i vostri ospiti vedano il cibo nei loro piatti ma non osate con una luce troppo potente. Le candele sono un must per creare un ambiente rilassante e intimo; scegliete delle candele che si abbinino con il colore della tovaglia e che non siano profumate – non c’è bisogno di mischiare un profumo artificiale con l’aroma del cibo.
Musica: tenete il volume basso all’inizio e durante il pasto cosicché i vostri ospiti possano conversare tranquillamente. Non siate timidi e alzate la musica quando la cena giungerà al termine!
Dress code: nel vostro invito, potete suggerire il dress code appropriato come ad esempio: “Ci farebbe piacere che vi uniate alla cena in bianco.” Oppure aggiungete una nota ai vostri inviti come: “vino bianco di benvenuto”, questo potrà aiutare i vostri ospiti a sentirsi a loro agio con ciò che indossano.

E infine il benvenuto: un ottimo padrone dovrebbe avere tutto pronto prima che gli ospiti arrivino. Anche in una cena casual, in cui gli ospiti potranno raggiungervi in cucina mentre preparate il pasto, si possono usare dei trucchi per creare un’atmosfera invitante già dal primo momento come allestire una piccola zona aperitivo e accendere le candele in anticipo.

 

CHI E' Chantal Wittnmann? 

Più di 30 anni di esperienza nell’insegnamento nel settore dell’ospitalità. Attraverso gli anni, è stata coach di studenti per competizioni insegnando diverse tematiche. Vinse nel 2011 il prestigioso premio di Meilleur Ouvrier de France. Come Gastronomic Restaurant Manager e docente a Glion Institute of Higher Education, Chantal si è specializzata nell’insegnamento del servizio e nell’art de la table. E’ anche specializzata in arte floreale ed è a capo del nuovo ristorante gastronomico di Glion, Le Bellevue, che aprirà a inizio 2018.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here