Gli italiani e la casa secondo l’Osservatorio Doxa @Home

Per tre quarti dei nostri connazionali l'abitazione è un elemento molto importante, tanto che ben 9 italiani su 10 hanno effettuato almeno un acquisto per la casa negli ultimi 12 mesi

Dall'Osservatorio Doxa @Home, lanciato a fine novembre 2017 e presentato al recente HOMI, il Salone degli Stili di Vita di Fiera Milano, emerge che per tre quarti degli italiani la casa è un fattore molto importante, e questo "sentiment" sembra tra l'altro in aumento per uno su quattro. «La casa è il rifugio per eccellenza - dice Paola Caniglia, Retail Director di Doxa -. Non solo sul piano economico. Ma anche, e forse più, su quello emotivo». L'Osservatorio ha effettuato la propria indagine intervistando 6.000 individui del panel Doxa, composto da oltre 100.000 persone.

1Spese per la casa in cima alla lista

L'importanza della propria abitazione è confermata dal fatto che ben 9 italiani su 10 hanno effettuato almeno un acquisto per la casa negli ultimi 12 mesi. Cucina, (55%), camera da letto (48%), living (48%) e bagno (40%) sono gli ambienti sui quali si concentrano gli acquisti, che riguardano principalmente apparecchi per l’illuminazione, decorazioni, tessile, piccoli arredi o elettrodomestici. Notevole il dato secondo cui il 33% degli interpellati ha fatto acquisti online: questo tipo di acquisti riguarda in particolar modo gli elettrodomestici e l'illuminazione, che vengono comprati su siti specializzati (con percentuali del 30 e del 23% rispettivamente). Le categorie di decorazione, tessile e oggettistica, così come i piccoli arredi, vengono acquistati prevalentemente nelle grandi catene (43%), ma anche nei negozi (rispettivamente, nel 24 e 33% dei casi).
Doxa indica anche che ci sono buoni margini per i retailer capaci di indirizzare le scelte di acquisto: un po' per tutte le categorie merceologiche considerate, circa il 50% degli intervistati dichiara di avere una certa idea del prodotto desiderato, ma di farsi ispirare da ciò che vede.

2Una casa polifunzionale

Alla funzione classica della casa legata più al riposo e al privato si sta affiancando sempre più quella lavorativa. Secondo l’Osservatorio Doxa @Home infatti un italiano su 3 è solito lavorare anche da casa, anche più volte alla settimana (68%). Si tratta di una tendenza diffusa tra tutte le classi d’età, over 54, compresi. I più sono lavoratori autonomi, ma non mancano i dipendenti (27%). «Questo trend incide anche sulla fruizione dell’abitazione, sempre più polifunzionale e volta a interpretare al meglio le esigenze molteplici e differenziate di tutti i membri della famiglia - precisa Paola Caniglia -. È la casa a ciclo continuo, vissuta e presidiata durante l’intero arco della giornata. Con conseguenze sia sull’organizzazione degli spazi abitativi sia sulla scelta degli arredi».

3La casa è di proprietà

L'Osservatorio Doxa indica che per oltre 8 italiani su 10 (81%) la casa in cui si vive è di proprietà e nel 62% dei casi si tratta di un appartamento in un condominio (nel 38% è autonoma). Percentuale che sale all’85% nei comuni con oltre 250.000 abitanti. Le case degli italiani sono abbastanza grandi: l’ampiezza media della casa si attesta attorno ai 105 metri quadri (dimensioni che salgono a 127 mq nel caso di casa autonoma), con appena il 5% della popolazione che vive in unità abitative di dimensioni inferiori ai 50 metri quadri. Mediamente le camere da letto presenti sono più di due (2,3) e ben sei abitazioni su 10 sono corredate da uno spazio all’aperto: uno o più terrazzi (34%), giardino privato non condominiale (29%), una veranda (21%), orto privato (13%) o, persino, campo coltivabile/frutteto (8%).

 

 

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here