Comunicare l’eccellenza italiana: Alessandro Scandurra

Quali sono i linguaggi che le imprese italiane devono usare per raccontare il proprio valore all'estero e quali gli strumenti per traghettare la loro attività nei mercati internazionali, sono stati i temi toccati venerdì 5 giungo a Milano durante il convegno promosso da Casastile in collaborazione con Messe Frankfurt Italia. Sul tavolo del confronto esperienze e testimonianze diverse di esperti e consulenti, professionisti e imprese del settore tavola e casa che hanno fatto il punto su cosa vuol dire comunicare il brand made in Italy nel mondo.

Leggi tutti gli interventi di "Eccellenza italiana, un valore da comunicare"

Alessandro Scandurra - Scandurra Studio Architettura. "Ho cominciato come scenografo della televisione e, anche in quel caso, lo spazio fisico era esperienza mediatica che doveva raccontare qualcosa. Da architetto ho invece iniziato a lavorare sull'identità di brand negli spazi di allestimento fieristici per il design italiano di Luceplan ed Estel. Saper trasmettere una storia italiana è un percorso diverso per ogni progettista. Vero è, però, che l'Italia è un brand mito e per raccontarlo basta anche basarsi su cliché/icone (tricolore, stivale, …). Nello spazio commerciale del Padiglione Italia in Expo dove si vendono articoli regalo made in Italy, e che si trova in una posizione leggermente nascosta, l'idea è stata quella di rivestire tutto con una proiezione gigantografica del logo Orgoglio Italia, come icona bianco-rosso-verde riconoscibile anche da lontano. Per identificare come italiano uno spazio, però, la progettualità italiana non deve solo mettere la bandiere, deve avere la capacità di costruire le cose e pensare in un determinato modo. Come trasmettere, ad esempio in Korea, a persone che si aspettano di vedere un marchio italiano del lusso, lo stile autentico di Peck? Nel dialogo tra food e design del concept store di Seul abbiamo tradotto alcuni elementi dell'architettura austriaca del negozio milanese forzandoli e trasformandoli in oggetti luxury, ma di fattura artigianale. Abbiamo inoltre pensato a una Peck Accademy che racconti ai clienti il brand, così che sappiano come utilizzare i prodotti acquistati, mescolando dimensioni educative e formative che fanno parte di uno spazio dove si racconta un contesto e un mondo italiano con una sua storia. In campo di allestimenti temporanei per il design, invece, costruire esperienza spaziale unica fa la differenza dal guardare oggetti su internet. Qui i visitatori diventano attori e parte integrate di un momento di confronto fra le cose e le persone".

Allegati

Intervento Alessandro Scandurra
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here